Watch and Clock Club

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: Cartier: perchè non funziona?  (Letto 1332 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Renato Z

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 285
    • Antica Orologeria Zamberlan
Cartier: perchè non funziona?
« il: 30 Gennaio, 2015, 10:20:15 am »

La foto è vecchia, ma me ne è capitato uno con lo stesso problema ieri sera  8)



Connesso
"Quelli che s'innamorano di pratica senza scienza sono come li nocchieri ch'entran in naviglio sanza timone o bussola, che mai hanno certezza dove si vadano. Sempre la pratica debb'esser edificata sopra la bona teorica"(II 80) - Leonardo da Vinci - Libro di pittura
L'Orologiaio deve rendersi degno della stima del pubblico che non può vedere ma deve credere nel suo lavoro. (TV 1925)

mauricedv

  • Full Member
  • ***
  • Post: 194
Re:Cartier: perchè non funziona?
« Risposta #1 il: 30 Gennaio, 2015, 12:45:49 pm »

Ti sarà costato ore e ore di duro lavoro per farlo ripartire. Capovolgere la pila è un'operazione estremamente delicata  O0

p.s. il circuito di quel calibro se lo fanno pagare caro
Connesso

bubba48

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 75
Re:Cartier: perchè non funziona?
« Risposta #2 il: 30 Gennaio, 2015, 05:21:42 pm »

Caspita, l'avevo capito anche io il problema!
Connesso

magajo

  • Newbie
  • *
  • Post: 5
Re:Cartier: perchè non funziona?
« Risposta #3 il: 02 Febbraio, 2015, 01:16:29 pm »

250 euro circa.... Un salassoooooo
Connesso

Renato Z

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 285
    • Antica Orologeria Zamberlan
Re:Cartier: perchè non funziona?
« Risposta #4 il: 03 Febbraio, 2015, 09:27:02 am »

Connesso
"Quelli che s'innamorano di pratica senza scienza sono come li nocchieri ch'entran in naviglio sanza timone o bussola, che mai hanno certezza dove si vadano. Sempre la pratica debb'esser edificata sopra la bona teorica"(II 80) - Leonardo da Vinci - Libro di pittura
L'Orologiaio deve rendersi degno della stima del pubblico che non può vedere ma deve credere nel suo lavoro. (TV 1925)